Testata giornalistica registrata presso Trib. di Terni il 31/07/2013 al n° 08/2013 Reg Periodici.

IRPEF, Perugia in testa agli aumenti: +708,7%. Terni al 15° posto

Il Ventuno

IL DOVERE DI INFORMARE, IL DIRITTO AD ESSERE INFORMATI

Sei colonne sul Sole 24 ore, neppure un riga nelle principali testate umbre. La notizia c’è sicuramente, infatti dal 2005 al 2009 il gettito della addizionale IRPEF per il nostro capoluogo è aumentato da 2 milioni di euro a 16,2 milioni di euro, un balzo del 708,7%. L’aumento della pressione fiscale si misura con un semplice confronto: a Perugia il reddito medio è passato da ? 21.695 del 2005 a ? 24443 del 2009, con un incremento del 12,7%. Appare palese che l’impennata del gettito non è dovuta a un miglioramento della situazione economica dei singoli cittadini, ma ad un eccesso indiscriminato di pressione fiscale. A Terni, invece, si è passati dal un gettito di 2,4 milioni di euro nel 2005 a un gettito di 7,3 milioni di euro: +198,1% I redditi medi aumentano, nello stesso periodo, da ? 20.132 a ? 23.049, +14,5%. Anche l’altro capoluogo di provincia dell’Umbria non fa una buona figura, piazzandosi al 15°posto. Ma non va così in tutta Italia, infatti a Firenze la scelta è stata opposta, i cittadini guadagnano di più, il Comune incassa meno per una minore pressione fiscale.. Insomma meno metti in tasca, più ti tasso. Questa la filosofia dei due Comuni umbri. Con questa mentalità dobbiamo sicuramente preoccuparci per il federalismo fiscale. Sicuramente dovremmo interrogarci su come vengono spesi i nostri soldi e quindi come i nostri amministratori li spendono. Infatti non è possibile pensare che una piccola regione come la nostra possa avere delle spese di gestione proporzionali più alte di una città come Firenze. Tutta l’Umbria ha 900.790 abitanti, la città di Firenze 370.580.
Stilografica
Visite: 798
   Invia l\'articolo in formato PDF   

Lascia un commento