Testata giornalistica registrata presso Trib. di Terni il 31/07/2013 al n° 08/2013 Reg Periodici.

CRIMINALITÀ A PERUGIA: “SIAMO ALL'EMERGENZA, LA CITTÀ NON PUÒ VIVERE SOLO DURANTE UMBRIA JAZZ, OCCORRE FAR RIVIVERE IL CENTRO STORICO “ ROSI (PDL) RICORDA QUEL NO ALLA SUA PROPOSTA DI PRESIDIO DI POLIZIA

17.07.2012

 

(Acs) Perugia, 17 luglio 2012 – “Finalmente si è compreso che il problema sicurezza nella città di Perugia è diventata una vera e propria urgenza, perché nonostante i grandi sforzi delle Forze dell’ordine non si è riusciti ad arginare il problema della delinquenza nell’acropoli”. Lo afferma il consigliere regionale Maria Rosi del Pdl ricordando: “Da anni insieme all’Ugl-polizia sostengo che uno dei pochi deterrenti per il dilagare della criminalità a Perugia sia istituire un presidio mobile. Una proposta che non si mai voluto prendere in considerazione; si era pensato persino di istituire un centro identificazione immigrati. Ma ormai la situazione era diventata insostenibile”.

 

Dopo aver affermato che “non era pensabile tagliare risorse umane a un settore vitale come la sicurezza”, Rosi auspica che oggi più che mai la politica sappia supportare l’azione delle forze dell’ordine, attraverso il recupero e delle aree urbane che sono cadute nel degrado più totale. Il vero problema, conclude l’esponente del Pdl, “è infatti far rivivere il nostro centro storico di Perugia non solo nei periodo di Umbria Jazz ma restituire definitivamente la città ai suoi abitanti”. GC/gc

 

Visite: 398
   Invia l\'articolo in formato PDF