Testata giornalistica registrata presso Trib. di Terni il 31/07/2013 al n° 08/2013 Reg Periodici.

Un altro morto sul lavoro: giovane, precario, immigrato

Ancora un altro. Ancora un giovane, ancora un precario, ancora un immigrato. Per di più, assunto il giorno prima della sua morte. Un altro dramma che fa a cazzotti con l’ottimismo diffuso a piene mani proprio in questi giorni dall’Inail.

L’incidente mortale alla Proma di Umbertide è l’ennesimo caso in cui a perdere la vita è un lavoratore giovane con contratto di lavoro interinale, ovvero un lavoratore in affitto.

Le parole rischiano di non avere più significato, la speranza è che ci sia una crescita culturale, che rimetta al centro il lavoro e la vita dei lavoratori e che finisca la dittatura culturale del profitto e dei mercati, dell’unico dio che sembra consacrato: il dio denaro.

Lo sconcerto di un’organizzazione sindacale come la Cgil è grande, ma vogliamo, ancora una volta, insistentemente, testardamente, rimettere al centro le uniche armi che abbiamo: la prevenzione, il rispetto delle regole, la formazione. In altre parole, quello che serve è ripensare il modello di sviluppo economico e sociale.

L’Umbria, che nel 2012 conta già 12 vittime in meno di 7 mesi, deve scrollarsi di dosso questo tragico primato delle morti sul lavoro, che continuano ad aumentare nonostante l’allargarsi a dismisura della crisi. Di questo, bisogna che tutti parlino e si preoccupino, non solo il giorno dopo la tragedia.

Per questo la Cgil si sente ancora più impegnata, perché in tempi straordinari bisogna rispondere in maniera non ordinaria, per evitare che ci sia una riduzione di attenzione e riaffermare il valore prioritario della vita umana.

Come detto, nei giorni scorsi l’Inail nazionale ci ha comunicato che le morti sul lavoro in Italia sono calate nel 2011. Sarebbe però utile ricorda all’istituto che le ore lavorate sono drasticamente ridotte dal dilagare di disoccupazione e cassintegrazione. Infatti, si muore di disoccupazione anche più che di lavoro. La Cgil, che da tempo, spesso inascoltata, denuncia questa situazione, continuerà nella sua battaglia per restituire dignità al lavoro e rompere questa scia di morte.

Cgil regionale Umbria

Camera del Lavoro di Perugia

Cgil Alta Umbria

Visite: 110
   Invia l\'articolo in formato PDF