Testata giornalistica registrata presso Trib. di Terni il 31/07/2013 al n° 08/2013 Reg Periodici.

Centri Learning e dispense virtuali: ora le università sono online!

atenei-telematiciFino a qualche anno fa intraprendere un percorso universitario, sia presso una Università pubblica che privata, rappresentava un privilegio. Quando la questione economica non costituiva un problema subentrava quella logistica, gli impegni di lavoro o quelli familiari: insomma studiare richiede tempo e denaro. Tanti studenti hanno dovuto rinunciare alle proprie ambizioni per fattori esterni alla loro volontà, precludendosi la possibilità di conquistare un titolo di studio adeguato e perseguire i propri sogni.

Per fortuna la tecnologia è riuscita a dare il suo contributo anche in campo universitario, e da poco meno di una decina d’anni esiste la possibilità di frequentare l’Università online, comodamente da casa. Inizialmente questa novità è stata accolta con diffidenza, ma è bastato poco per capire quanti vantaggi possa comportare una scelta di questo tipo.

Tanto che, ad oggi, il 2% degli studenti frequenta un Ateneo online, con un aumento di iscritti di oltre il 50 % solo negli ultimi due anni. Roma è la prima città in Italia per numero di iscrizioni nelle università online come Unicusano, ma ciò che sorprende maggiormente è l’incessante progressione del fenomeno: nel 2005, gli studenti frequentanti un Ateneo Online erano 1500, dopo soli otto anni sono quasi 40 mila, ovvero quasi trenta volte tanto. Un dato che fa un certo effetto se si pensa che le facoltà pubbliche hanno fatto registrare un calo del 17 % soltanto nel 2013.

Praticità, comodità, possibilità di organizzare il proprio tempo e materiale didattico a portata di click: sono questi gli ingredienti fondamentali del suo incontrastato successo, Per ottenere tutte le informazioni necessarie sull’iscrizione nelle Università online come quella di Roma è sufficiente cliccare qui. La rete ha aperto nuove frontiere, e l’Università italiana non può che trarne i benefici, come d’altronde accade da parecchi anni negli altri paesi Europei.

Come sostiene il direttore di una famosa università, “L’educazione e la formazione telematica sono il futuro della diffusione del sapere in ambito accademico e scientifico”. Niente più code agli sportelli, aule sovraffollate, libri pesanti e costosi, ma un nuovo modo di intendere la formazione accademica. Studiare online non significa rinunciare alla qualità dell’insegnamento: le lezioni sono disponibili in streaming, così come gli appunti e tanto altro materiale didattico, e grazie alla possibilità di organizzare al meglio il proprio tempo si possono trarre dei benefici anche in termini di produttività.

Le lauree ottenute presso gli Atenei online hanno lo stesso valore giuridico di quelle relative alle facoltà tradizionali. Una soluzione ideale per gli studenti fuori sede, che nella maggior parte dei casi devono sostenere dei costi esorbitanti per potersi mantenere dignitosamente e allo stesso tempo affrontare il percorso di studi prescelto. Grazie al recente successo inoltre, è aumentata anche l’offerta didattica, e non è da escludere che negli anni avvenire sia possibile frequentare online qualsiasi tipo di indirizzo.

Attualmente sono presenti ben undici diverse facoltà online, tutte quante riconosciute ufficialmente da Miur, comprendenti quattordici diverse specializzazioni sulle trentaquattro totali disponibili. Infine, tra i tanti vantaggi, non è da sottovalutare l’aspetto eco-sostenibile degli Atenei telematici: il risparmio di carta e l’azzeramento dei costi di trasporto costituiscono una scelta ‘green’ totalmente al passo coi tempi.

Visite: 860
   Invia l\'articolo in formato PDF