Testata giornalistica registrata presso Trib. di Terni il 31/07/2013 al n° 08/2013 Reg Periodici.

AFRICA/KENYA – “I malati muoiono negli ospedali senza assistenza. Si smetta lo sciopero degli infermieri”: appello di Mons. Korir

Il Ventuno

IL DOVERE DI INFORMARE, IL DIRITTO AD ESSERE INFORMATI

Nairobi – “È ora che vi parliate l’un con l’altro per far cessare lo sciopero del personale infermieristico nel nostro Paese. I keniani stanno morendo negli ospedali, perché non c’è nessuno che li assiste” ha esortato Sua Ecc. Mons. Cornelius Kipng’eno Arap Korir, Vescovo di Eldoret e Presidente della Commissione Episcopale “Giustizia e Pace”, nella omelia della messa da lui presieduta in memoria di p. John Kaiser presso il Maela Refugee Camp di Naivasha
In Kenya oltre 25.000 infermieri sono in sciopero dal 5 giugno, per chiedere un aumento di stipendio e delle indennità.
“Siamo arrivati al punto di lasciare la nostra gente morire per il denaro, P. Kaiser non era keniano, ma non avrebbe mai fatto morire la nostra gente. Questo è inumano. Dobbiamo rinnovare i nostri sforzi per servire la gente del Kenya” ha affermato Mons. Korir.
La messa in memoria di p. Kaiser Memorial è stata concelebrata da Sua Ecc Mons. Oballa Ole Owaa, Vescovo di Ngong, e da Sua Ecc. Mons Joseph Mbatia, Vescovo di Nyahururu.
Missionario di Mill Hill, p. Kaiser era stato inviato in Kenya el 1964 ed è stato inviato alla missione nello stesso anno in Kenya, dove ha lavorato nella diocesi di Kisii per 20 anni e in seguito a Nakuru e a Ngong-
Il 24 agosto 2000, il corpo di Don Kaiser era stato trovato a Moredat-Naivasha, lungo l’autostrada Nakuru-Nairobi. La causa della sua morte non fu accertata immediatamente, ma in seguito si è reso conto che essere stato assassinato da aggressori fino ad oggi rimasti sconosciuti.

Powered by WPeMatico

Visite: 454
   Invia l\'articolo in formato PDF   

Lascia un commento