Testata giornalistica registrata presso Trib. di Terni il 31/07/2013 al n° 08/2013 Reg Periodici.

ESCE IL 29 GIUGNO L’ALBUM “PERDUTO” DI JOHN COLTRANE, UN VERO DISCO DI INEDITI, A 54 ANNI DALLA SUA REGISTRAZIONE.

Album_Coltrane

/// Di Francesco Cataldo Verrina ///

La scoperta è stata sorprendente, l’attesa è spasmodica ed entusiasma tutto il “popolo del jazz”, anche un suo vecchio amico, una leggenda vivente. “E’ come scoprire una nuova stanza della Grande Piramide” ha affermato Sonny Rollins, per un album che prende il titolo da un consiglio che Coltrane diede a Wayne Shorter su come comporre un brano: “Fai conto di iniziare una frase dal centro, per poi andare contemporaneamente verso l’inizio e verso la fine”.

Si intitola, infatti, “Both Directions at Once – The Lost Album ed uscirà il 29 giugno per l’etichetta Impulse!. Non si tratta di un “Best Of” né di un lavoro di rimaneggiamento su vecchi nastri, ma di un vero e proprio album inedito del John Coltrane Quartet, registrato il 6 marzo 1963 in un’unica sessione presso gli studi Van Gelder, in New Jersey. E’ ovvio che per il mondo del jazz è come aver (ri)trovato una sorta Santo Graal. La prima settimana di marzo del 1963 fu particolarmente ricca di impegni per Trane. Era nel bel mezzo di un’impegnativa maratona di due settimane al Birdland e si preparava a registrare il famoso album con Johnny Hartman, cosa che fece il 7 marzo. Ma ci fu una seduta di registrazione il giorno prima che fino ad ora sapeva di leggenda. Mercoledì 6 marzo, Coltrane e il quartetto si trasferirono nel New Jersey, dove la giornata trascorse tra varie prove, registrazioni, tagli, alternative takes. Ora sappiamo che le registrazioni vennero effettuate dal musicista insieme al suo Classic Quartet, composto da McCoy Tyner, Jimmy Garrison e Elvin Jones ed il materiale sarà pubblicato grazie ai nastri, mai toccati per 54 anni, che Coltrane aveva affidato a sua moglie Naima. Coltrane e il quartetto si recarono ai Van Gelder Studios a Englewood Cliffs per registrare un album completo, basato su alcune composizioni mai registrate né prima, né in seguito. Il gruppo rimase impegnato per tutto il giorno a fissare le varie esecuzioni sul nastro, a volte incidendo più take dello stesso pezzo, interpretandolo da varie angolazioni e provandolo in modi differenti. Quasi per un segno del destino, Coltrane lasciò i Van Gelder Studios con una copia dei nastri per poterli ascoltare e condividere con sua moglie Naima. E questo ha garantito al materiale di essere conservato e tutelato per oltre mezzo secolo, il nastro rimasto in studio, è probabile che sia stato riutilizzato o buttato via. La versione ufficiale della registrazione era andata perduta probabilmente all’inizio degli anni Settanta, quando la Impulse! ebbe la necessità di ridurre i costi di gestione magazzino eliminando molte delle cose presenti in archivio. Un errore madornale a cui oggi è possibile rimediare, grazie agli eredi di Coltrane, e consegnare al mondo uno splendido album postumo.

Oltre alle due composizioni inedite, nella track-list viene inclusa “One Up, One Down” , pubblicata in precedenza solo in un bootleg catturato al Birdland. La versione presente in Both Directions at Once: The Lost Album è invece quella registrata in studio per la prima e unica volta. Inoltre, l’album conterrà due brani completamente inediti, chiamati “Untitled Original 11383 e “Untitled Original 11386, entrambi suonati da Coltrane con il sax soprano, che saranno davvero la vera chicca dell’album.

https://youtu.be/q7X2X7LDFok

Both Directions at Once – The Lost Album” uscirà sia in versione standard, con sette brani, sia in versione deluxe, con quattordici brani (la sessione completa), e sarà disponibile su cd e vinile.

Tracklist edizione standard:

  1. Untitled Original 11383 (5:41) 2. Nature Boy (3:24)
  2. Untitled Original 11386 (8:43) 4. Vilia (5:32)
  3. Impressions (4:36)
  4. Slow Blues (11:28)
  5. One Up, One Down (8:01)

Tracklist edizione Deluxe:

CD1

  1. Untitled Original 11383 (Take 1) (5:41) 2. Nature Boy (3:24)
  2. Untitled Original 11386 (Take 1) (8:43) 4. Vilia (Take 3) (5:32)
  3. Impressions (Take 3) (4:36)
  4. Slow Blues (11:28)
  5. One Up, One Down (Take 1) (8:01)

CD2

  1. Vilia (Take 5) (4:37)
  2. Impressions (Take 1) (4:06)
  3. Impressions (Take 2) (4:37)
  4. Impressions (Take 4) (3:40)
  5. Untitled Original 11386 (Take 2) (8:41) 6. Untitled Original 11386 (Take 5) (8:23) 7. One Up, One Down (Take 6) (7:17)
Visite: 809
   Invia l\'articolo in formato PDF