Testata giornalistica registrata presso Trib. di Terni il 31/07/2013 al n° 08/2013 Reg Periodici.

Estra Energie si aggiudica dei Lotti della gara Consip GAS11 e si conferma primo operatore nazionale Consip per volumi di fornitura di gas alle pubbliche amministrazioni.

Estra Energie si aggiudica 4 dei 9 lotti della gara Consip GAS11 e si conferma primo operatore nazionale Consip per volumi di fornitura di gas alle pubbliche amministrazioni.

Dieci Regioni italiane saranno servite da Estra Energie per il prossimo anno termico. La controllata del Gruppo Estra si è infatti aggiudicata 4 lotti (per un valore potenziale di 340 milioni di mc e un totale di quasi 215 mln di euro) dell’edizione 11 della gara indetta da Consip per la fornitura di gas naturale alle pubbliche amministrazioni regionali italiane per il prossimo triennio termico (gara “GAS11”). Una conferma per l’azienda che anche per l’edizione 10 aveva ottenuto 4 lotti tra cui, per la prima volta, il Nord-Ovest.

In dettaglio la controllata del Gruppo Estra per il sesto anno consecutivo si è aggiudicata i lotti 5, 6 e 8 – che comprendono Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Campania, Puglia e Basilicata – e per il secondo anno il lotto 1 (Nord-Ovest) che comprende il Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta.
I numeri in termini di volumi di gas messi a disposizione e valore stimato della fornitura sono: per il Lotto 1 un valore di 66 milioni di euro per 105 milioni di mc, per il Lotto 5 un valore di 34,58 milioni di euro per 55 milioni di mc, per il Lotto 6 un valore di 75,45 milioni di euro per 120 milioni di mc e per il Lotto 8 un valore di 38,93 milioni di euro per 60 milioni di mc.

“La partecipazione alle gare per aggiudicarsi le forniture, in particolare alla PA rappresenta un asset strategico per il Gruppo – dichiara Francesco Macrì presidente di Estra – e confermano la nostra capacità di competere a livello nazionale con i grandi player del mercato”.

“Vincere queste gare è sempre un risultato importante – aggiunge la neo direttrice di Estra Energie Monica Casullo – perché ci permettono di consolidare la nostra presenza nei territori in cui siamo già presenti ma anche di cogliere nuove occasioni offerte dal mercato. Rappresentano non a caso il 15% del fatturato della vendita gas”.

Visite: 51
   Invia l\'articolo in formato PDF