Testata giornalistica registrata presso Trib. di Terni il 31/07/2013 al n° 08/2013 Reg Periodici.

ASIA/ARABIA SAUDITA – Il Principe Mohammed bin Salman riceve una delegazione di cristiani evangelici USA

Riyadh – Una delegazione di esponenti cristiani evangelici statunitensi in visita in Arabia Saudita sono stati ricevuti dal Principe ereditario Mohammed bin Salman nella giornata di martedì 10 settembre, alla vigilia del 18esimo anniversario degli attacchi terroristi anti-Usa perpetrati l’11 settembre 2001. La delegazione era guidata dallo scrittore e stratega mediatico israelo-statunitense Joel Rosenberg, autore di romanzi in cui ha riletto anche il fenomeno del terrorismo moderno alla luce delle profezie bibliche.
Il Principe Mohammed Bin Salman – riferiscono le fonti ufficiali saudite – ha ricevuto gli illustri visitatori nel suo palazzo nella città di Gedda. Lo stesso Rosenberg, sul suo account twitter, ha riferito che nella conversazione col Principe si è si è parlato di “terrorismo, pace, libertà religiosa e diritti umani”.
Una analoga delegazione di cristiani evangelici, anch’essa guidata da Joel Rosenberg, aveva già visitato l’Arabia Saudita e incontrato alcuni suoi leader meno di un anno fa, agli inizi di novembre 2018.
La visita della delegazione evangelica allunga la serie di esponenti di Chiese e comunità cristiane che negli ultimi anni si sono recati in Arabia Saudita per avere incontri di alto livello con alti dignitari del Regno. Nell’aprile del 2018, le autorità saudite avevano ricevuto il cardinal Jean-Louis Tauran, che allora era Presidente del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso . Nel novembre 2017 anche il Patriarca maronita Bechara Boutros Rai aveva compiuto una visita ufficiale in Arabia Saudita, nel corso della quale aveva incontrato il Re Salman e il Principe Mohammed bin Salman.
Secondo alcuni osservatori, anche gli inviti rivolti a esponenti di Chiese e comunità cristiane fanno parte della strategia perseguita dallo stesso Principe ereditario per accreditare un’immagine aperta e dialogante della Casa reale saudita nella terra che ospita La Mecca e Medina, città sante dell’islam, e dove la pratica pubblica di altre fedi è bandita.
Joel Rosenberg e la moglie Lynn hanno fondato nel 2006 The Joshua Fund, organizzazione nata dal desiderio di portare i cristiani “a benedire Israele e i suoi vicini nel nome di Gesù”. Nel novembre 2018, la precedente visita in Arabia saudita della delegazione guidata da Rosenberg era stata criticata da The American Conservative, rivista fondata nel 2002 per dar voce a settori conservatori USA che si opponevano alla guerra in Iraq e alle politiche interventiste di George W. Bush. “E’ difficile” scrisse The American Conservative “non considerare l’incontro come un esercizio cinico nell’uso di evangelici ‘pro-Israele’ per consolidare i legami tra il regno saudita, gli Stati Uniti e Israele”. La testata conservatrice USA citò in quell’occasione anche il sito di notizie del Jerusalem Post, sottolineando che il quotidiano israeliana aveva presentato la delegazione di evangelici “come ambasciatori non ufficiali di un governo israeliano che vuole allearsi con l’Arabia Saudita nel confronto con l’Iran”.

Powered by WPeMatico

Visite: 102
   Invia l\'articolo in formato PDF