Testata giornalistica registrata presso Trib. di Terni il 31/07/2013 al n° 08/2013 Reg Periodici.

ASIA/FILIPPINE – Un nuovo Collegio di teologia con la specializzazione in dialogo interreligioso

Zamboanga – Il movimento per il dialogo di “Silsilah” ha lanciato un nuovo istituto educativo nella città di Zamboanga: si tratta dell’Emmaus College for Theology, che offre Baccellierato in Teologia, con la specializzazione in dialogo interreligioso. Lo riferisce all’Agenzia Fdeis, p. Sebastiano D’Ambra, missionario del PIME, e iniziatore di Silsilah, esprimendo “la gioia , la soddisfazione e l’auspicio che questo spirito possa contagiare sempre più giovani cristiani e musulmani nelle Filippine.”
Il nuovo Collegio ha ottenuto il permesso di operare dalla “Commissione per l’Istruzione Superiore” delle Filippine e inizierà le lezioni ad agosto 2020, proprio mentre il nuovo Anno accademico 2019-2020 coinciderà con lo speciale “Anno del dialogo interreligioso, dell’ecumenismo e dei popoli indigeni”, proclamato dalla Conferenza Episcopale delle Filippine, che inizierà con la Festa di Cristo Re, il 24 novembre 2019.
La Chiesa cattolica nelle Filippine infatti, presterà particolare attenzione al dialogo interreligioso, all’ecumenismo e ai popoli indigeni in preparazione al 2021, quando i cristiani nelle Filippine ricorderanno i 500 anni dell’arrivo del cristianesimo nell’arcipelago.
Nel corso degli anni,il Movimento Silsilah ha aiutato in modo speciale un gruppo di insegnanti cattolici ad avviare la “Comunità Emmaus”, composta da laici consacrati e poi allargata a sposati, single, sacerdoti, suore, seminaristi, che hanno formato il Movimento per il Dialogo “Emmaus”, attivo a Mindanao.
“Nell’alveo i questa iniziativa – spiega D’Ambra – il nuovo “Collegio di teologia Emmaus” risponde alla necessità di formare una nuova generazione di cattolici disposti ad abbracciare qualsiasi forma di vocazione nella Chiesa: laici consacrati, religiosi, sacerdoti, sposati e single, ma tutti con il desiderio di scoprire la loro vocazione nella vita per servire la Chiesa e la società”.
“Il Collegio sarà luogo per formare giovani, uomini e donne, a essere aperti al dialogo interreligioso vivendo e promuovendo la cultura del dialogo. La vita di preghiera e il servizio ai poveri alimenteranno la loro formazione con adeguati programmi di immersione e servizi nelle parrocchie e in altre istituzioni”, aggiunge il missionario PIME.
“Il Movimento Silsialh – conclude p. D’Ambra – sta facendo passi avanti per formare persone di diverse religioni e unirle in un cammino per vivere e promuovere la spiritualità della vita nel dialogo, come via per la pace. il nostro sogno sta diventando realtà e anche il sangue di alcuni martiri, membri e ex-alunni di Silsilah, fa parte di questa crescita. Molte persone che hanno partecipato ai programmi di formazione del movimento ora vivono lo spirito di Silsilah nelle Filippine e in altri paesi”.

 

Powered by WPeMatico

Visite: 46
   Invia l\'articolo in formato PDF