Testata giornalistica registrata presso Trib. di Terni il 31/07/2013 al n° 08/2013 Reg Periodici.

ASIA/INDIA – Pace nel nome di Madre Teresa di Calcutta

Calcutta – Costruire la pace in India, nella società indiana attraversata da violenze e odio religioso; promuovere la pace tra India e Pakistan, mentre si registra ancora tensione nella tormentata regione del Kashmir, affidando questi processi all’intercessione di Madre Teresa di Calcutta. Con questo spirito, in occasione della festività della santa, che si celebra il 5 settembre, è stato organizzato un raduno nazionale per la pace a Calcutta per onorare il 22° anniversario della morte di Madre Teresa. Tra gli enti organizzatori vi erano le Missionarie della Carità, la Chiesa di Santa Teresa d’Avila, il Forum di tutte le fedi e altre associaizoni e organizzazioni della società civile indiana.
La manifestazione per la pace è iniziata dalla Chiesa di santa Teresa d’Avila e si è conclusa alla Casa madre delle Missionarie della Carità, dove i presenti hanno vissuto un incontro di preghiera aperto ai fedeli di ogni religione. Il raduno ha fatto su l’appello “Non più guerra, vogliamo la pace”, affermando che “che la pace è la risposta alle cruciali questioni politiche e morali del nostro tempo”.
Il raduno è stato arricchito dalla presenza del cantante folk Sanajit Mondal, che ha pubblicato un album musicale su Madre Teresa, e si è esibito alla presenza di leader religiosi, sacerdoti, consacrati, suore, sportivi, cittadini di altre comunità religiose di Calcutta.
Mathew Fernandes, uno tra i fedeli cattolici presenti, ha detto a Fides: “Madre Teresa era una persona unica, consacrata a Dio che ha sacrificato la sua vita per l’umanità indigente e sofferente. E’ stata una persona mite e umile di core, una persona di pace. Possa la santa aiutare il cammino della riconciliazione della pace in Asia del Sud”.

Powered by WPeMatico

Visite: 41
   Invia l\'articolo in formato PDF