Testata giornalistica registrata presso Trib. di Terni il 31/07/2013 al n° 08/2013 Reg Periodici.

EUROPA/ITALIA – La Famiglia Scalabriniana lancia un appello per “raccontare la migrazione”

Bolzano – “Stiamo vivendo un tempo in cui vecchi e nuovi conflitti sradicano migliaia di persone dalle loro case e dalla loro terra e li obbligano e cercare sicurezza altrove” affermano padre Leonir Chiarello , suor Neusa de Fatima Mariano e Regina Widmann riuniti per l’incontro delle direzioni generali dei tre Istituti che compongono la Famiglia Scalabriniana. Secondo la nota inviata all’Agenzia Fides, obiettivo della riunione, che si è tenuta a Villabassa , è stato quello di concentrare l’atenzione sulle necessità più impellenti nel settore delle migrazioni.
“Viviamo un tempo in cui l’esasperata ricerca del proprio benessere acuisce le sperequazioni tra persone e tra popoli – proseguono – e costringe molti alla ricerca di opportunità in un altro Paese, dove l’accesso a queste opportunità è spesso negato; un tempo in cui per avere speranza bisogna comprarla in modo illegale e si finisce col comprare la probabilità del fallimento o della morte; un tempo in cui dominano le retoriche contro i migranti, facile strumento per ottenere consenso dando in cambio soluzioni incerte e a breve termine. Non sono frasi astratte. Pensiamo ai molti confini dove si consumano ogni giorno tante tragedie”.
Tre sono gli orientamenti lanciati dalla Famiglia Scalabriniana. Narrare i fatti e la testimonianza perché “c’è molta ripetitività nel parlare di emigrazione. Ripetitività nello stigmatizzare i migranti come minaccia al benessere nazionale, alla sicurezza dei cittadini, al patrimonio culturale di una società”. Quindi narrare i migranti, perché “tacciono, soprattutto i migranti, perché nessuno vuole sentire la loro voce. È nostro dovere creare occasioni perché i migranti raccontino e perché qualcuno ascolti, perché noi possiamo ascoltare”. Infine “narrare a Dio”, perché “è possibile che proprio davanti a Dio i migranti non ci accompagnino, ma dobbiamo creare occasioni per narrare insieme le nostre storie, che si intrecciano per diventare storia di salvezza”.

Powered by WPeMatico

Visite: 45
   Invia l\'articolo in formato PDF