Testata giornalistica registrata presso Trib. di Terni il 31/07/2013 al n° 08/2013 Reg Periodici.

AFRICA/MALAWI – Uno strumento per l’evangelizzazione: Radio Maria Malawi festeggia vent’anni di vita

Il Ventuno

IL DOVERE DI INFORMARE, IL DIRITTO AD ESSERE INFORMATI

Lilongwe –, Radio Maria Malawi ha festeggiato vent’anni di esistenza, confermandosi come potente strumento di evangelizzazione nel paese. “Nonostante i tempi difficili e le difficoltà quotidiane, Radio Maria continua a lavorare instancabilmente per la diffusione del Vangelo” ha detto il Vescovo della diocesi di Mangochi, mons. Montfort Stima, presidente della Commissione per le comunicazioni e la ricerca della Conferenza episcopale del Malawi durante le celebrazioni tenute lo scorso 28 settembre.
Arrivata sulle onde radio il 24 agosto 1999, “Radio Maria è lo strumento più potente che la Chiesa cattolica in Malawi usa per portare avanti la sua missione di evangelizzazione”, ci ha tenuto a sottolineare il vescovo. “Uniamo le nostre risorse in modo da promuovere ulteriormente la visione e la missione di questa emittente radiofonica, a servizio della fede e della verità”.
Tra gli ospiti convenuti ai festeggiamenti, padre Joseph Kimu, direttore di Radio Maria Malawi, che ha ringraziato Dio “per il valido strumento che gli è stato affidato”. La rappresentante di “Radio Maria Africa”, Veronica Mwita, ha confermato che l’emittente riceve l’appoggio costante e continuo dell’intera famiglia mondiale di Radio Maria. Ha anche annunciato che la sua organizzazione finanzierà la costruzione del quartier generale di Radio Maria Malawi a Lilongwe. Ospite d’onore dell’evento, la signora Francisca Masamba Theula, ex volontaria di Radio Maria Malawi e attualmente parlamentare del collegio nord-orientale di Mangochi, ha ringraziato le persone di buona volontà che hanno assistito finanziariamente la radio, che oggi continua a diffondere la Buona Novella del Vangelo anche nelle aree e nei villaggi più remoti della nazione.

Powered by WPeMatico

Visite: 88
   Invia l\'articolo in formato PDF   

Lascia un commento