Testata giornalistica registrata presso Trib. di Terni il 31/07/2013 al n° 08/2013 Reg Periodici.

Albignasego (PD) – Recuperato Pitone Reale dai Carabinieri Forestali

Il Ventuno

IL DOVERE DI INFORMARE, IL DIRITTO AD ESSERE INFORMATI

ALBIGNASEGO. E’ stato ritrovato nel giardino di un’abitazione privata di Albignasego un Pitone della lunghezza di poco più di un metro che solitario era alla ricerca di un riparo. I fatti risalgono allo scorso 25 ottobre quando i Carabinieri Forestali di Padova sono stati chiamati dalla Polizia Locale che a sua volta era stata avvisata da una famiglia del posto. I militari quando sono intervenuti hanno potuto constatare che trattavasi presumibilmente di un Pitone reale (Python regius), animale non pericoloso ma appartenente all’elenco delle specie in via di estinzione di cui alla Convenzione Cites. Recuperato il rettile, questo è stato consegnato al Nucleo Carabinieri CITES di Venezia che, dopo il riconoscimento ufficiale che ne ha confermato la specie, ha provveduto prontamente a trasferire l’animale in idonea e specializzata struttura di Jesolo. Trattandosi di specie tutelata dalla Convenzione di Washington sul Commercio Internazionale delle specie animali e vegetali minacciate di estinzione, la sua detenzione e commercializzazione è regolamentata da una normativa internazionale e comunitaria particolarmente rigida. La legge italiana prevede importanti sanzioni, amministrative e penali, per coloro che commercializzano le specie protette in assenza di regolare autorizzazione. 

Al vaglio degli inquirenti è pertanto l’ipotesi che qualcuno, per paura di incappare in queste sanzioni, si sia sbarazzato dell’animale, integrando però anche l’ipotesi di abbandono, in un periodo dell’anno in cui sono in arrivo temperature rigide. Il tempestivo intervento dell’Arma dei Carabinieri ha scongiurato che il rettile andasse incontro a morte certa, in quanto il suo fabbisogno termico non è compatibile con le nostre ed attuali condizioni atmosferiche. Gli accertamenti del Nucleo Carabinieri CITES proseguono per capire come il serpente sia potuto arrivare fino al giardino della casa di Albignasego e per accertare l’autore dell’eventuale abbandono. 
 

Powered by WPeMatico

Visite: 58
   Invia l\'articolo in formato PDF