Testata giornalistica registrata presso Trib. di Terni il 31/07/2013 al n° 08/2013 Reg Periodici.

ASIA/PAKISTAN – Diritti umani e libertà religiosa per un Pakistan tollerante e inclusivo

Karachi – E’ necessario sviluppare una nuova cultura nazionale per rendere il Pakistan più tollerante e inclusivo per i seguaci di tutte le fedi: lo hanno hanno sottolineato gli attivisti della società civile partecipando a un seminario organizzato nei giorni scorsi a Karachi dal “Center for Social Justice” per discutere di libertà religiosa e diritti umani in Pakistan alla luce di vari aspetti legali.
Come appreso dall’Agenzia Fides, studenti, attivisti, membri di Ong, uomini politici e leader delle minoranze religiose hanno preso parte alla discussione, sottolineato la necessità di favorire l’armonia interreligiosa nel paese e rilevando gli ostacoli al rispetto dei diritti umani in Pakistan.
“Pur avendo numerose leggi nella Costituzione che garantiscono la libertà sociale, culturale e religiosa alle minoranze, l’adesione e il rispetto di quelle leggi restano limitati”, ha affermato il direttore esecutivo del CSJ, il cattolico Peter Jacob. “In generale, la libertà religiosa è indiscussa a livello legale – ha rimarcato – ma bisognerebbe creare un’ampia narrativa nazionale per promuoverla realmente nella vita sociale in Pakistan”.
Ha proseguito Jacob: “Abbiamo bisogno di un altro ‘Paigham-e-Pakistan’ , con tutte le parti interessate, compresa la società civile, le minoranze, le donne, gli educatori e gli studenti, per sviluppare questa narrazione. Alcuni dei problemi che affrontiamo sono il risultato di sfide di carattere religioso. È necessario sviluppare una voce consolidata per rendere il Pakistan più tollerante e inclusivo”, ha affermato.
Mahnaz Rahman, donna leader della “Fondazione Aurat” ha ribadito: “Il fondatore del Pakistan, Ali Jinnah, sognava un paese in cui tutte le componenti società fossero incluse e con pari diritti. La religione è una scelta personale e dovrebbe essere rispettata “, ha detto, tracciando il concetto di “cittadinanza”, come idea-chiave per a tutti, indipendentemente da status sociale, cultura, credo sono concessi medesimi diritti e uguale voce, senza discriminazioni.
Il fondatore della “Commissione interreligiosa per la pace e l’armonia”, presente al seminario, il leader islamico Allama Muhammad Ahsan Naqvi ha ribadito il desiderio di “unità con i nostri fratelli indù e cristiani”, aggiungendo di essere “in prima linea per salvaguardare i loro diritti”. E ha detto. “È fondamentale che ognuno di noi faccia la sua parte per la prosperità del Paese, espellendo quanti seminano odio per dividerci”.
I presenti, come il prof. Riaz Shaikh, docente all’Università del Punjab, hanno ricordato l’importanza dell’articolo 20 della Costituzione del Pakistan, che tratta dei diritti dei cittadini pakistani, affermando che “un modello inclusivo è indispensabile per portare il paese fuori dall’oscurità”.
“L’autocritica è vitale per affrontare il problema. Ci deve essere un motivo per cui, dalla fondazione del Pakistan, il numero di non-musulmani si è ridotto dal 25-30% a un mero 3%”, ha detto. “Bisogna riconoscere che religione è stata usata nella nostra società come strumento per risolvere le controversie e ottenere benefici. L’intolleranza è divenuta diventando un problema enorme, difficile da affrontare”.
Gli esponenti della minoranze religiose, indù e cristiani, hanno ribadito di “sentirsi pienamente pakistani, di essere attaccati alla madrepatria” e di “voler essere accettati come pakistani perché questo paese è la nostra casa”.

Powered by WPeMatico

Visite: 43
   Invia l\'articolo in formato PDF