Testata giornalistica registrata presso Trib. di Terni il 31/07/2013 al n° 08/2013 Reg Periodici.

OCEANIA/PAPUA NUOVA GUINEA – E’ cruciale investire sull’istruzione dei giovani: la Chiesa è in prima linea

Port Moresby – L’istruzione e lo sviluppo dell’infanzia e della gioventù sono il miglior investimento che un paese possa fare per migliorare i progressi della sua generazione futura. Questo è stato il momento clou dell’incontro, tenuto nei giorni scorsi a Waigani, che ha riunito diversi enti sociali e religiosi, organizzazioni e istituti impegnati nel servizio di istruzione, inclusi quelli cristiani delle diverse confessioni.
“L’istruzione è importante per avere buoni cittadini e per ottenere questo risultato sono necessari maggiori investimenti sui giovani”, ha affermato il dott. Uke Kombre, segretario del Dipartimento della Pubblica Istruzione, che ha messo in risalto il ruolo delle donne. “Dobbiamo mobilitare e consolidare tutti i dipartimenti a sostegno dell’istruzione per poter potenziare le future generazioni del paese” ha insistito Kombre.
“Chi ha figli desidera sempre che venga dato loro il meglio, non vogliamo solo che sopravvivano ma che crescano e diano un contributo proattivo alla società”, ha affermato Mcloughlin, rappresentante Unicef in Papua Nuova Guinea, uno dei relatori presenti al seminario.
Ai circa cento presenti convenuti all’incontro, tutte persone impegnate a vario titolo nel servizio e nel campo dell’istruzione, è stato presentato un lavoro realizzato dai 27 studenti della scuola elementare St. Anne che, attraverso una presentazione dinamica, hanno avuto l’opportunità di mostrare le proprie capacità.
I leader cristiani hanno ribadito che è necessaria una feconda collaborazione tra Stato e Chiesa nel settore dell’istruzione, in cui la comunità cristiana contribuisce enormemente al bene comune. Numerosi sono gli istituti gestiti dalla Chiesa cattolica e dalla Chiesa protestante, che danno un contributo fondamentale alla società. Il tasso di analfabetismo è tuttora molto alto in Papua Nuova Guinea, e tocca oltre il 35% della popolazione. Le Chiese cristiane oggi gestiscono il 70% dell’istruzione impartita nel paese e il loro apporto è da sempre ampiamente riconosciuto.

Powered by WPeMatico

Visite: 82
   Invia l\'articolo in formato PDF