Testata giornalistica registrata presso Trib. di Terni il 31/07/2013 al n° 08/2013 Reg Periodici.

AMERICA/ARGENTINA – Primo discorso del neo Presidente Fernández: “Dobbiamo uscire da questa situazione con la solidarietà”

Il Ventuno

IL DOVERE DI INFORMARE, IL DIRITTO AD ESSERE INFORMATI

Buenos Aires – Il nuovo Presidente dell’Argentina, Alberto Fernández, ha richiamato diverse espressioni di Papa Francesco nel suo primo discorso davanti all’Assemblea legislativa dopo aver prestato giuramento e ricevuto l’incarico dal Presidente uscente Mauricio Macri. Il leader del Frente de Todos, che ha vinto le elezioni, accompagnato da Cristina Fernández come vice presidente, ha usato la formula “per Dio, la Patria e i santi Vangeli” quando ha giurato come presidente.
Nel suo primo messaggio da Presidente, secondo quanto ha sottolineato l’agenzia Aica, Fernández si è riferito al Pontefice come “caro Papa Francesco” e ha usato alcune delle sue espressioni abituali: “cultura dello scarto”, “emarginato ed escluso”, “dis-incontro”, “ultimo”, “inclusione ed equità”, “casa comune”, tra le altre. Allo stesso modo, ha anticipato che il ministero dell’area ambientale sarà ispirato dall’enciclica Laudato si’ di Papa Francesco, che ha definito “magna carta etica ed ecologica a livello universale”.
“Gli emarginati ed esclusi dalla nostra Patria, quelli colpiti dalla cultura dello scarto, non hanno solo bisogno di un pezzo di pane in fondo alla nostra tavola. Devono essere parte ed essere commensali della stessa mensa, della grande mensa di una nazione che deve essere la nostra casa comune” ha sottolineato il neo Presidente.
Riferendosi alla situazione del paese, Alberto Fernández ha affermato che “in un contesto di estrema gravità, di emergenza, dobbiamo capire che non c’è possibilità di chiedere sacrifici a chi ha fame, non puoi chiedere sacrifici a coloro che non riescono ad arrivare alla fine del mese. Dobbiamo uscire da questa situazione con la solidarietà”. Quindi ha proseguito: “Proponiamo un’Argentina dove l’abbraccio si allunga, si moltiplica, perché dobbiamo unirci. Se riusciamo a fermare l’odio, possiamo fermare la caduta dell’Argentina. La prima e principale liberazione come paese è garantire che l’odio non abbia potere sui nostri spiriti. Che l’odio non ci colonizzi”.

Powered by WPeMatico

Visite: 167
   Invia l\'articolo in formato PDF   

Lascia un commento