Testata giornalistica registrata presso Trib. di Terni il 31/07/2013 al n° 08/2013 Reg Periodici.

Contro la pandemia, l’ecologia

Da dove provengono i coronavirus  ?

Anche nel 21 ° secolo, i vecchi rimedi sembrano essere per le autorità cinesi il modo migliore per combattere l’epidemia causata dal Coronavirus. Centinaia di milioni di persone sono, in queste ore, limitate nei loro movimenti. Non è forse il momento di chiedersi perché le pandemie si susseguono a un ritmo sempre più veloce  ?

(Articolo di Sonia Shah, giornalista statunitense nota per le sue inchieste sulle multinazionali – in particolare alimentari, petrolifere e farmaceutiche pubblicato su “Le Monde Diplomatique” di marzo 2020 e tradotto dal francese da Elena Stoppioni)

Sarà stato un pangolino? Un pipistrello? O addirittura un serpente, come abbiamo sentito per un po’ prima che la notizia venisse smentita? O forse la responsabilità sarà proprio del primo che ha incriminato l’animale selvatico, all’origine di questo Coronavirus, ufficialmente chiamato Covid-19, la cui trappola si è chiusa su diverse centinaia di milioni di persone, poste in quarantena o trincerate dietro cordoni sanitari in Cina e in altri paesi. Se da un lato appare come essenziale svelare questo mistero, tale speculazione ci impedisce di vedere che la nostra crescente vulnerabilità alle pandemie ha una causa più profonda: la distruzione accelerata degli habitat.

Dal 1940, centinaia di agenti patogeni sono comparsi o riemersi in aree in cui, a volte, non erano mai stati visti prima. Questo è il caso del virus dell’immunodeficienza umana (HIV), dell’Ebola nell’Africa occidentale o di Zika nel continente americano. La maggior parte di essi (60%) sono di origine animale. Alcuni provengono da animali domestici o da allevamento, ma la maggior parte (più di due terzi) proviene da animali selvatici.

Quest’ultimo virus non ha nulla a che fare con tutto ciò. Nonostante gli articoli che, con le fotografie di supporto, indicano la fauna selvatica come punto di partenza per epidemie devastanti  ( 1 ) , è falso credere che questi animali siano particolarmente infestati da agenti patogeni mortali pronti a contaminarci. In realtà, la maggior parte dei loro microbi vive in essi senza danneggiarli. Il problema è altrove: con le dilaganti deforestazione, urbanizzazione e industrializzazione, abbiamo offerto a questi microbi i mezzi per raggiungere il corpo umano e adattarsi.

La distruzione degli habitat minaccia l’estinzione di molte specie  ( 2 ) , tra cui piante medicinali e animali su cui la nostra farmacopea si è sempre appoggiata. Quanto a quelli che sopravvivono, non hanno altra scelta che rifugiarsi nelle porzioni ridotte di habitat che gli insediamenti umani lasciano loro. Ciò si traduce in una maggiore probabilità di contatto ravvicinato e ripetuto con l’uomo, che consente ai microbi di passare attraverso il nostro corpo, dove, da benigni, diventano patogeni mortali.

Ebola lo illustra bene. Uno studio del 2017 ha scoperto che i focolai del virus, la cui fonte è stata localizzata in varie specie di pipistrelli, sono più comuni nelle aree dell’Africa occidentale e centrale che recentemente hanno subito la deforestazione. Quando abbattiamo le loro foreste, obblighiamo i pipistrelli ad appollaiarsi sugli alberi nei nostri giardini e nelle nostre fattorie. È quindi facile immaginare cosa accadrà dopo: un essere umano ingerisce la saliva da pipistrello mordendo un frutto che ne è coperto o, mentre cerca di cacciare e uccidere questo visitatore sgradito, è esposto ai microbi che hanno trovato rifugio nei suoi tessuti. Questo è il modo in cui una moltitudine di virus di cui i pipistrelli sono portatori, ma che rimangono innocui dentro di loro, riescono a penetrare nelle popolazioni umane – citiamo ad esempio Ebola, ma anche Nipah (soprattutto in Malesia o Bangladesh) o Marburg (in particolare nell’Africa orientale). Questo fenomeno si chiama “to cross the species barrier – attraversare la barriera delle specie”. Se si verifica frequentemente, può consentire ai microbi degli animali di adattarsi ai nostri organismi e evolvere al punto da diventare patogeni.

Lo stesso vale per le malattie trasmesse dalle zanzare, poiché è stato stabilito un collegamento tra il verificarsi di epidemie e la deforestazione  ( 3 ) – tranne per il fatto che qui si tratta meno della perdita di habitat quanto piuttosto della loro trasformazione. Con gli alberi, lo strato di foglie morte e le radici scompaiono. L’acqua e i sedimenti scorrono più facilmente su questo terreno nudo, che ora è bagnato dal sole, formando pozze favorevoli alla riproduzione delle zanzare che trasportano la malaria.  Nelle aree disboscate si trova il doppio delle zanzare vettori di agenti patogeni per l’uomo, rispetto alle foreste intatte.

I pericoli dell’agricoltura industriale

La distruzione degli habitat funziona anche modificando il numero di varie specie, il che può aumentare il rischio di diffusione di un agente patogeno. Un esempio: il virus del Nilo occidentale, trasportato da uccelli migratori. In Nord America, le popolazioni di uccelli sono diminuite di oltre il 25% negli ultimi cinquant’anni a causa della perdita di habitat e di altre distruzioni  ( 4 ). Ma non tutte le specie sono colpite allo stesso modo. I cosiddetti uccelli specialistici (habitat), come picchi e rallentatori, sono stati colpiti più duramente di generalisti come pettirossi e corvi. Mentre i primi sono poveri vettori del virus del Nilo occidentale, i secondi sono eccellenti. Da qui una forte presenza del virus tra gli uccelli domestici nella regione e una crescente probabilità di vedere una puntura di zanzara un uccello infetto, quindi un essere umano  ( 5 ) .

Stesso fenomeno per quanto riguarda le malattie trasmesse da zecche. Divorando gradualmente le foreste del Nord-Est americano, lo sviluppo urbano caccia animali come opossum, che aiutano a regolare le popolazioni di zecche, consentendo allo stesso tempo a fiorire specie molto meno efficaci in quest’area, come il topo con le zampe bianche e il cervo. Di conseguenza, le malattie trasmesse da zecche si diffondono più facilmente. Tra questi, la malattia di Lyme, che è apparsa per la prima volta negli Stati Uniti nel 1975. Negli ultimi venti anni sono stati identificati sette nuovi agenti patogeni trasmessi da zecche  ( 6 ) .

I rischi delle malattie emergenti non sono solo aumentati per la perdita di habitat, ma anche dal modo in cui vengono sostituiti. Per soddisfare il suo appetito carnivoro, l’uomo ha rasato un’area equivalente a quella del continente africano  ( 7 ) per nutrire e allevare animali destinati alla macellazione. Alcuni di essi utilizzano quindi canali commerciali illegali o vengono venduti su mercati di animali vivi (mercati umidi). Lì, specie che probabilmente non si sarebbero mai incrociate in natura si trovano ingabbiate fianco a fianco e i microbi possono passare felicemente dall’una all’altra. Questo tipo di sviluppo, che ha già generato nel 2002-2003 il coronavirus responsabile dell’epidemia di sindrome respiratoria acuta grave (SARS), è forse all’origine del coronavirus sconosciuto che ci assedia oggi.

Ma ci sono molti altri animali che si evolvono all’interno del nostro sistema di allevamento industriale. Centinaia di migliaia di animali accatastati l’uno sopra l’altro in attesa di essere portati al macello: queste sono le condizioni ideali affinché i microbi si trasformino in microrganismi patogeni. Ad esempio, i virus dell’influenza aviaria, ospitati dagli uccelli acquatici, causano il caos nelle fattorie piene di polli in cattività, dove mutano e diventano più virulenti – un processo così prevedibile che può essere riprodotto in laboratorio. Uno dei loro ceppi, H5N1, è trasmissibile all’uomo e uccide più della metà degli individui infetti. Nel 2014, in Nord America, decine di milioni di pollame hanno dovuto essere abbattuti per fermare la diffusione di un’altra di queste varietà  ( 8) .

Le montagne di escrementi prodotti dai nostri bovini offrono altre opportunità ai microbi animali di infettare le popolazioni. Dato che ci sono infinitamente più rifiuti di quelli che la terra agricola può assorbire sotto forma di fertilizzante, spesso finisce per essere immagazzinata in pozzi che perdono – un paradiso per i batteri Escherichia coli. Più della metà degli animali rinchiusi nei mangimi americani sono portatori, ma lì rimangono innocui  ( 9 ) . Nell’uomo, al contrario, E. coli provoca diarrea sanguinolenta, febbre e può causare insufficienza renale acuta. E non è raro che gli escrementi di animali si riversino nella nostra acqua potabile e nel nostro cibo, 90.000 americani vengono contaminati ogni anno.

Sebbene questo fenomeno di mutazione dei microbi animali in agenti patogeni umani stia accelerando, non è nuovo. Il suo aspetto risale alla rivoluzione neolitica, quando l’essere umano iniziò a distruggere gli habitat selvatici per estendere la terra coltivata e addomesticare gli animali per renderli bestie da soma. In cambio, gli animali ci hanno fatto dei regali avvelenati: dobbiamo il morbillo e la tubercolosi alle mucche, la pertosse ai maiali, l’influenza alle anatre.

Il processo è continuato durante l’espansione
coloniale europea. In Congo, le ferrovie e le città costruite dai coloni
belgi hanno permesso a un lentivirus ospitato dai macachi nella regione di
perfezionare il suo adattamento al corpo umano. In Bengala, gli inglesi
hanno invaso l’enorme zona umida di Sundarbans per sviluppare la coltivazione
del riso, esponendo gli abitanti ai batteri acquatici presenti in queste acque
salmastre. Le pandemie causate da queste intrusioni coloniali rimangono
attuali. Il macaco lentivirus è diventato HIV. I batteri acquatici
Sundarbans, ora noti come colera, hanno già causato sette pandemie fino ad
oggi, l’epidemia più recente si è verificata ad Haiti.

Fortunatamente, poiché non siamo stati vittime passive di questo processo, c’è anche molto che possiamo fare per ridurre il rischio che questi microbi emerganoPossiamo proteggere gli habitat selvatici per assicurarci che gli animali mantengano i loro microbi invece di trasmetterli a noi, come il movimento One Health sta cercando di fare  ( 10 ) .

Possiamo mettere in atto una stretta sorveglianza degli ambienti in cui i microbi animali hanno maggiori probabilità di trasformarsi in agenti patogeni umani, cercando di eliminare quelli che mostrano inclinazioni ad adattarsi al nostro organismo prima che si inneschino epidemie. Questo è esattamente ciò su cui i ricercatori del programma Predict, finanziato dall’Agenzia per lo sviluppo internazionale (Usaid) degli Stati Uniti, hanno lavorato negli ultimi dieci anni. Hanno già identificato più di novecento nuovi virus collegati all’estensione dell’impronta umana sul pianeta, tra cui ceppi di coronavirus precedentemente sconosciuti paragonabili a quelli della SARS  ( 11 ) .

Oggi una nuova pandemia ci sta minacciando, e non solo a causa del Covid-19. Negli Stati Uniti, gli sforzi dell’amministrazione Trump per liberare le industrie estrattive e tutte le attività industriali da tutte le normative peggioreranno inevitabilmente la perdita di habitat, favorendo il trasferimento microbico dagli animali all’uomo. Allo stesso tempo, il governo degli Stati Uniti sta compromettendo le nostre possibilità di individuare il prossimo germe prima che si diffonda: nell’ottobre 2019, ha deciso di terminare il programma Predict. Infine, all’inizio di febbraio 2020, ha annunciato l’ intenzione di ridurre del 53% il proprio contributo al bilancio dell’Organizzazione mondiale della sanità.

Come ha detto l’epidemiologo Larry Brilliant, “le  emergenze virali sono inevitabili, non le epidemie”. Tuttavia, non saremo risparmiati da queste ultime a meno che non agiamo per cambiare la politica con la stessa determinazione che abbiamo messo nello stravolgere la natura e l’equilibrio della vita animale.

Foto di copertina per gentile concessione di Betty Colombo

L’articolo Contro la pandemia, l’ecologia proviene da Save the Planet.

Powered by WPeMatico

Visite: 539
   Invia l\'articolo in formato PDF