Testata giornalistica registrata presso Trib. di Terni il 31/07/2013 al n° 08/2013 Reg Periodici.

ACQUISTATA NUOVA BARELLA BIO-CONTENIMENTO AL SANTA MARIA DELLA MISERICORDIA DI PERUGIA e primo trasporto di un paziente a Firenze.

Anche Perugia ha sperimentato il trasporto di un paziente Covid 19 con la nuovissima Barella bio-contenimento. Un Umbro, di 57 anni, ha avuto bisogno di particolari cure presso l’ospedale Careggi di Firenze, il trasferimento e stato possibile grazie al personale del 118 di Perugia, composto da un autista, un’anestesista ed un infermiere dotati appunto, di questa attrezzatissima barella.

Il Paziente positivo al Covid 19, intubato, trasportato all’interno della barella viene costantemente monitorato durante il tragitto.

Questa camera di isolamento, appena acquistata, funziona a pressione negativa rispetto all’area circostante per evitare la fuoriuscita di microrganismi patogeni, mantenuta da un motore di filtraggio attaccato alle estremità dei piedi.

L’emergenza sanitaria di questi ultimi giorni ha reso necessario l’utilizzo di dispositivi medici che raramente vediamo all’opera. Alcuni equipaggi, soprattutto al Nord Italia dove è scattata l’emergenza sanitaria da Coronavirus, sono stati dotati di una strumentazione idonea al trasporto del paziente contagiato in maniera contenitiva.

Pochi però sanno come funzionano le barelle per bio-contenimento e soprattutto come devono essere utilizzate, sono previsti due diversi modi:

Modalità a pressione negativa: in questo primo caso si protegge l’ambiente esterno dal paziente infetto “contenuto” all’interno del sacco. Può trattarsi di un trasporto primario di un paziente ad alto rischio infettivo, oppure di un trasporto secondario all’interno di una particolare struttura di un paziente affetto da agenti microbiologici

Modalità a pressione positiva: questa seconda modalità è stata studiata invece per proteggere il paziente con un deficit del sistema immunitario e quindi potenzialmente a rischio di contrarre qualche infezione dall’ambiente esterno.

Un ringraziamento all’equipe coinvolta nell’operazione ma a tutta la struttura Ospedaliera del Santa Maria della Misericordia di Perugia.

Personale 118 trasporto a Firenze di un paziente Covid19
Visite: 583
   Invia l\'articolo in formato PDF   

Lascia un commento