Testata giornalistica registrata presso Trib. di Terni il 31/07/2013 al n° 08/2013 Reg Periodici.

ASIA/PAKISTAN – Il Cardinale Coutts: “Serviamo la gente senza alcuna discriminazione, nel tempo del Covid-19”

Il Ventuno

IL DOVERE DI INFORMARE, IL DIRITTO AD ESSERE INFORMATI

Karachi : “Dobbiamo lavorare in unità per superare le sfide che le persone si trovano ad affrontare in questa pandemia globale di Covid-19. Apriamo i nostri cuori e lavoriamo per raggiungere e servire le persone bisognose, senza fare alcuna differenza nè di religioni nè di etnia o status sociale”: lo dichiara all’Agenzia Fides il Cardinale Joseph Coutts, Arcivescovo di Karachi, inaugurando un campo di distribuzione alimentare in collaborazione e partenariato con l’Ong “Jafaria Disaster Management Cell”, organizzazione di welfare operante a Karachi. Iniziative sociali di tal genere si moltiplicano in Pakistan, mentre il lockdown imposto dal governo sta avendo un impatto soprattutto sulle famiglie più povere e su tutti coloro che sono impiegati nell’economia “informale” o hanno un lavoro “a giornata”.
Il Cardinale Coutts ha inoltre affermato: “Rompiamo le barriere della discriminazione e avanziamo uniti per servire l’umanità. Questa pandemia di Covid-19 non è solo una questione che riguarda le persone povere e bisognose, ma sta anche influenzando la vita professionale, gli affari delle persone, l’economia, la vita spirituale in tutta la società e in tutto il mondo. È, allora, un tempo favorevole per promuovere l’amore, l’accettazione, l’armonia interreligiosa e lavorare insieme per lo sviluppo dell’umanità, sconfiggendo insieme le sfide poste dalla pandemia”. Il Cardinale riferisce a Fides: “I nostri sacerdoti e numerosi laici in varie parrocchie stanno supportando le famiglie nel disagio, portando aiuti materiale e conforto, senza distinguere le persone sulla base di credo, caste, etnie, cultura”.
Syed Zafar Abbas Jafri, segretario generale della Fondazione JDC ha dichiarato: “Sono grato al cardinale Joseph Coutts per il supporto offerto: in tal modo possiamo raggiungere più persone. Il Cardinale Joseph Coutts, e la sua comunità, sono sempre in prima linea nel promuovere l’armonia interreligiosa e prendere iniziative per promuovere e sostenere le persone, su base umanitaria”. “Abbiamo fornito pacchi alimentari a oltre 4.000 famiglie cristiane nella città di Karachi e stiamo portandone altri. La nostra Fondazione JDC offre i propri servizi alle persone bisognose di tutte le religioni senza alcuna discriminazione “, informa Syed Zafar Abbas Jafri.
Pervaiz Gill, rappresentante dell’Arcidiocesi di Karachi nel campo di assistenza preparato nel complesso della Cattedrale di San Patrizio a Karachi, parlando con Fides, afferma: “Le persone stanno venendo a prendere pacchi alimentari da tutta la città di Karachi e, su istruzioni del Cardinale Coutts, stiamo distribuendo aiuti solo presentando il proprio numero di carta nazionale computerizzata”. Gill riferisce: “Il campo di distribuzione alimentare situato nella Cattedrale di San Patrizio serve quotidianamente 200 famiglie. Cento pacchi alimentari sono forniti dall’arcidiocesi cattolica di Karachi e cento dalla Fondazione JDC”.
In tutto il Pakistan sono attive iniziative simili. Gruppi ecclesiali stanno continuando a contattare le persone bisognose di cibo. Nell’arcidiocesi cattolica di Lahore p. Qaisar Feroz OFM Cap, sacerdote responsabile della chiesa di San Giuseppe, assiste 70 famiglie. Don Qaisar informa Fides: “La parrocchia sosterrà altre 100 famiglie; l’obiettivo è aiutare i parrocchiani che lavorano con salario a giornata e dunque ora sono inattivi e senza entrate”, dice, ricordando che il paese è ancora attivo il lockdown imposto dal governo.
“Active Youth Group”, un gruppo che opera sotto l’egida della Chiesa cattolica a Sahiwal ha distribuito razioni alimentari tra vedove, orfani, transgender, disabili, zingari e poveri, tutti bisognosi. Ashiknaz Khokhar, segretario del gruppo giovanile, parlando con Fides, ha dichiarato: “È nostro dovere aiutare le persone bisognose, abbiamo portato pacchi di cibo nelle case delle persone per sostenerle e ridurre il rischio di diffusione del virus. Fino ad ora abbiamo aiutato 100 famiglie, raccogliendo fondi con l’aiuto e il sostegno del nostro parroco. Stiamo promuovendo una campagna per raccogliere più fondi e formare così una banca alimentare nella nostra Chiesa, in modo da raggiungere regolarmente più persone in questo momento di necessità”.

Powered by WPeMatico

Visite: 90
   Invia l\'articolo in formato PDF   

Lascia un commento