Testata giornalistica registrata presso Trib. di Terni il 31/07/2013 al n° 08/2013 Reg Periodici.

San Teodoro (SS) – Droga: Spaccio e detenzione sostanze stupefacenti.

Il Ventuno

IL DOVERE DI INFORMARE, IL DIRITTO AD ESSERE INFORMATI

I Carabinieri della Tenenza di San Teodoro a conclusione di una complessa e articolata attività d’indagine, nella provincia di Nuoro, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza che dispone misure cautelari, emessa dal GIP presso il Tribunale di Nuoro, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di 9 indagati (4 agli arresti domiciliari e 5 all’obbligo di dimora), ritenuti responsabili, a vario titolo, di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti e furti. Gli indagati, sovente in concorso tra loro, avevano realizzato una fitta rete di clienti e fornitori, soprattutto tra i comuni di San Teodoro (SS) e Budoni (SS,) ai quali fornivano sistematicamente con l’ausilio di ingegnosi stratagemmi e linguaggi criptici le dosi richieste. L’indagine ha consentito inoltre di acclarare come gli stessi si servissero di più reti di approvvigionamento dai quali reperivano quantità considerevoli ad un prezzo più vantaggioso per poi reimmetterla nel mercato al dettaglio.  
Il provvedimento cautelare giunge al termine di una attività d’indagine diretta dalla Procura della Repubblica presso il tribunale di Nuoro guidata dal Procuratore Dott.ssa P. C..
Il circuito economico e delinquenziale delineato dall’indagine ha mostrato come gli indagati si adoperavano al fine di eludere un’eventuale azione investigativa, mantenendo sia il riserbo tra loro stessi sia impartendo precise direttive ai clienti che spesso reperivano lo stupefacente acquistato in luoghi convenzionali, cespugli o pali della luce, senza avere il contatto diretto con lo spacciatore. È emerso inoltre come gli stessi proventi fossero destinati ad un investimento immediato in ulteriore sostanza stupefacente marijuana e cocaina così da alimentare un circuito in fervida espansione tale da raggiungere clienti “fidelizzati” che a distanza tra una stagione estiva e la seguente ricucivano il contatto.
Le fruttuose, costanti e puntuali indagini svolte dai Carabinieri della Compagnia di Siniscola sono consistite in una lunga e articolata attività di natura tecnica, confermata dagli esiti di sopralluoghi, perquisizioni e sequestri. I fatti accertati hanno portato alla contestazione in poco meno di 8 mesi di numerosissime condotte di cessione al dettaglio e di altrettanti acquisti “all’ingrosso” nonché tre furti di diversa indole con precise finalità criminali. Il primo ai danni di un “concorrente” al fine di reperire un ingente quantitativo di stupefacente che quest’ultimo deteneva presso la sua abitazione e il secondo ai danni di un esercizio commerciale che consentiva a tre complici di impossessarsi di circa 4000 euro, somma che invece di essere equamente divisa tra i correi diveniva il provento del terzo furto ad opera di due di loro che introdottisi nell’abitazione del terzo si impadronivano dell’intero ammontare da reinvestire nell’illecito traffico. 
L’indagine trae origine dal deferimento di un giovane della zona trovato in possesso di una considerevole quantità di sostanza stupefacente del tipo marijuana nel mese di gennaio 2019. Gli approfondimenti investigativi hanno consentito di smascherare la sua rete di contatti nelle cui maglie l’indagine ha trovato terreno fertile. 
 

Powered by WPeMatico

Visite: 87
   Invia l\'articolo in formato PDF   

Lascia un commento