Testata giornalistica registrata presso Trib. di Terni il 31/07/2013 al n° 08/2013 Reg Periodici.

Senigallia (AN) – Minaccia il vicino di casa con un’accetta

Il Ventuno

IL DOVERE DI INFORMARE, IL DIRITTO AD ESSERE INFORMATI

Nella notte appena trascorsa i Carabinieri della Compagnia di Senigallia hanno arrestato un uomo per violazione di domicilio e minaccia aggravata. I fatti si sono verificati nella serata di ieri, introno alle 21:30, quando al 112 è giunta una richiesta di intervento per una lite tra vicini di casa.

Il richiedente era proprio una delle due parti coinvolte, e ha riferito ai Carabinieri che il suo aggressore lo aveva minacciato con un’arma da taglio. Una volta giunti sul posto i militari hanno trovato due uomini che parlavano, all’esterno dell’edificio segnalato come luogo del reato. Uno di loro, in stato di forte agitazione, è risultato essere il responsabile dell’aggressione, residente al piano terra dello stabile. Insieme a lui c’era il vicino di casa, che aveva assistito alla scena e stava cercando di ricondurlo alla calma.

Al primo piano dell’edificio invece, affacciata alla finestra, c’era la vittima, un 56enne, che ha indicato ai militari l’uomo che poco prima lo aveva aggredito. Una volta verificati i fatti è emerso che i due già in passato avevano dibattuto varie volte per problemi di vicinato. Anche quel pomeriggio avevano avuto un’accesa discussione, ma tutto si era concluso senza conseguenze.

Poche ore dopo però, il 43enne, dopo ave assunto alcolici, si era presentato fuori all’abitazione del vicino, battendo ripetutamente alla porta con il manico di un’accetta. Vista l’insistenza dei colpi, il 56enne aveva aperto la porta, e l’aggressore era entrato di prepotenza nella sua abitazione, impugnando in una mano l’accetta e nell’altra un coltello. Lo aveva minacciato di morte qualora non avesse smesso di creargli problemi, e gli aveva puntato il coltello alla gola.

Fortunatamente la vittima era riuscita a divincolarsi e a respingere l’aggressore fuori dalla sua dimora, per poi chiedere l’intervento dei Carabinieri. Al momento del controllo svolto dai militari, il 43enne era disarmato, ma da una perquisizione svolta nell’immediatezza all’interno della sua abitazione sono state trovate un’accetta, un coltello da sub e un seghetto a serramanico. Tutti gli oggetti sono stati sottoposti a sequestro e l’uomo è stato portato in caserma, insieme alla vittima e al testimone dell’aggressione.

Dopo aver verificato l’effettiva dinamica dei fatti, i Carabinieri hanno dichiarato in arresto il 43enne per violazione di domicilio e violenza privata.

Powered by WPeMatico

Visite: 102
   Invia l\'articolo in formato PDF   

Lascia un commento