Testata giornalistica registrata presso Trib. di Terni il 31/07/2013 al n° 08/2013 Reg Periodici.

VATICANO – I Direttori nazionali delle POM, collaboratori dello Spirito Santo: celebrata online l’Assemblea generale delle Pontificie Opere Missionarie

Il Ventuno

IL DOVERE DI INFORMARE, IL DIRITTO AD ESSERE INFORMATI

Città del Vaticano – “E’ lo Spirito Santo il vero protagonista della missione della Chiesa: lo Spirito aiuta a discernere in modo nuovo e creativo come essere animatori della missione nelle Chiese locali, nei cinque continenti, e come annunciare il Vangelo di fronte alle sfide che il tempo di oggi presenta, come quella della pandemia di Covid-19”: con queste parole il Cardinale Luis Antonio Tagle si è rivolto agli oltre 100 Direttori nazionali delle Pontificie Opere Missionarie, collegati su una piattaforma online ieri, 12 giugno, per celebrare l’Assemblea generale delle Pontificie Opere Missionarie. Data l’emergenza di Covid-19, l’Assemblea annuale non si è potuta tenere fisicamente a Roma, come previsto, ma è stata celebrata su piattaforma digitale, grazie alle nuove tecnologie, con la partecipazione di circa 100 nazioni collegate, da tutto il mondo.
Dal Palazzo di “Propaganda Fide” hanno preso parte al collegamento il Cardinale Luis Antonio Tagle, Prefetto della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli; l’Arcivescovo Giampietro Dal Toso, Presidente delle Pontificie Opere Missionarie; i quattro Segretari Generali delle POM: p. Tadeusz J. Nowak, OMI, Segretario generale della Pontificia Opera della Propagazione della Fede , p. Fabrizio Meroni, Segretario generale della Pontificia Unione Missionaria , suor Roberta Tremarelli, Segretaria generale della Pontificia Opera dell’Infanzia Missionaria , mentre p. Guy Bognon, Segretario generale della Pontificia Opera di San Pietro apostolo , trattenuto in Benin, era in collegamento e ha inviato un contributo scritto; l’Incaricato per l’Amministrazione, mons. Carlo Soldateschi.
“Non lamentiamoci delle porte chiuse ma comprendiamo e collaboriamo per le nuove finestre aperte dallo Spirito”, ha detto il Cardinale Tagle, ricordando che “il Signore offre sempre nuove opportunità per annunciare il Vangelo”. Il Prefetto di “Propaganda Fide” ha dunque esortato i Direttori nazionali delle POM a ” essere uomini di preghiera, in modo da lasciare che lo Spirito Santo li ricolmi e ne ispiri l’azione, come avvenuto per la Serva di Dio Pauline Jaricot”, fondatrice della Pontificia Opera per la Propagazione della Fede. “Ogni Direttore nazionale – ha continuato – è chiamato a discernere le possibilità di azione perchè tutta l’opera della Chiesa sia orientata e animata in senso missionario”. La catechesi, la liturgia, la carità, le famiglie le aggregazioni laicali, tutti gli ambiti pastorali “sono essi stessi luoghi e occasioni di missione”, ha spiegato. Ogni Direttore nazionale delle POM “è chiamato a collaborare con lo Spirito Santo perché la missione sia al cuore dell’identità della Chiesa”. In tal senso l’aspetto economico della raccolta delle offerte, ha aggiunto, “è reale segno e impegno di carità missionaria, che apre i cuori alle necessità di popoli lontani”. Il Cardinale ha infine esortato le POM a collaborare attivamente e strettamente con i Vescovi locali e con le Conferenze Episcopali nell’opera missionaria.
Nel suo intervento, l’Arcivescovo Dal Toso ha ricordato con gioia l’avvenuto riconoscimento del miracolo attribuito all’intercessione di Pauline Jaricot, osservando che nel 2022 l’Opera della Propagazione della Fede, da lei fondata, compirà 200 anni, e che le POM inizieranno un cammino di preparazione a quell’evento. Il Presidente delle POM ha poi ringraziato i Direttori nazionali nazionali per l’impegno profuso nel contribuire allo speciale Fondo istituito dal Papa presso le POM, in risposta alla pandemia di Covid-19, e nel segnalare poi le esigenze delle Chiese locali. La ricerca di offerte, ha sottolineato, non è mero fundraising, “ma è feconda opportunità per crescere nella preghiera e nell’animazione missionaria”. In tal senso l’Arcivescovo ha ribadito che il recente Messaggio del Papa alle Pontificie Opere Missionarie, pubblicato il 21 maggio, è il riferimento magisteriale che ispirerà il cammino e l’opera di rinnovamento delle POM e la direzione del loro futuro.
Con il Presidente, i quattro Segretari delle POM hanno rimarcato l’importanza che le POM siano pienamente inserite e integrate nella pastorale ordinaria delle singole Chiese locali, in tutte le sue declinazioni e componenti, per informare e orientare l’azione pastorale in un’ottica missionaria, come autentica “Chiesa in uscita”.
Tutti i presenti a Roma e i Direttori collegati hanno voluto ringraziare Papa Francesco per il denso Messaggio inviato alle Pontificie Opere Missionarie il 21 maggio, giorno dell’Ascensione. Inoltre è stata ricordata l’ampia e capillare opera di sensibilizzazione e di animazione missionaria condotta dai Direttori nazionali delle POM, in tutto il mondo, in occasione del Mese Missionario Straordinario dell’ottobre 2019. L’assemblea ha anche discusso dei possibili temi da proporre al Santo Padre per la celebrazione della Giornata Missionaria Mondiale del 2021. Come ogni anno, l’Assemblea delle POM ha votato i bilanci consuntivi e preventivi e ha approvato i sussidi ordinari e straordinari relativi ai finanziamento dei progetti nelle Chiese locali, sotto la giurisdizione di “Propaganda Fide”.

Powered by WPeMatico

Visite: 85
   Invia l\'articolo in formato PDF   

Lascia un commento