Testata giornalistica registrata presso Trib. di Terni il 31/07/2013 al n° 08/2013 Reg Periodici.

isola Capo Rizzuto – Trasportava legna ricavata da abbattimento di alberi nella pineta.

Il Ventuno

IL DOVERE DI INFORMARE, IL DIRITTO AD ESSERE INFORMATI

Durante un controllo volto a prevenire i numerosi abbattimenti e sottrazioni illegali di alberi nella pineta litoranea nella località Sovereto, i militari della stazione CC forestale Crotone hanno sorpreso un uomo alla guida di un autocarro con il cassone carico di legna depezzata di pini e cipressi. L’uomo, un operaio di 49 anni del luogo, è stato bloccato e, dopo i primi accertamenti, arrestato. La legna, infatti, secondo le verifiche subito eseguite, era stata ricavata dal taglio di otto cipressi e due pini danneggiati dal fuoco i cui resti sono stati prontamente localizzati nella pineta. L’uomo era stato già denunciato due volte in passato, una volta finanche arrestato, dai carabinieri forestali per lo stesso reato. L’azione delittuosa è stata commessa necessariamente con il concorso di altre persone che si sono repentinamente dileguate, facendo perdere le loro tracce.
La Procura della Repubblica, nella tarda mattinata odierna, ha ratificato l’arresto e ravvisando di non dover richiedere l’applicazione di misure coercitive, per l’insussistenza di esigenze cautelari, ha disposto la riammissione in libertà dell’arrestato. La legna sottratta è stata recuperata. 
La pineta di Sovereto fortemente, danneggiata dagli incendi occorsi in passato, continua a subire danni che ormai rischiano di pregiudicarne la sopravvivenza. Rientra nella Zona Speciale di Conservazione (ZSC) denominata Dune di Sovereto, istituita sulla base della cosiddetta Direttiva Habitat, recepita in Italia nel 1997. La pineta fa parte del demanio regionale e sarebbe affidata alla gestione dell’azienda Calabria Verde, ente strumentale della regione Calabria. I carabinieri forestali hanno agito per tentare di consentirne la conservazione.
 

Powered by WPeMatico

Visite: 71
   Invia l\'articolo in formato PDF   

Lascia un commento