ASIA/SIRIA – Il Vescovo Abou Khazen: le scelte dell'Occidente sul conflitto siriano continuano a essere sconsiderate

Aleppo – L’iniziativa militare unilaterale della Francia, che nei giorni scorsi ha dato inizio a incursioni aeree contro le basi dello Stato islamico in territorio siriano, rappresenta “un altro episodio nella serie di azioni e scelte sconsiderate compiute dalle potenze occidentali nel quadro dei conflitti che stanno massacrando i popoli del Medio Oriente”. E’ questo il giudizio perentorio espresso dal Vescovo Abou Khazen, Vicario apostolico di Aleppo per i cattolici di rito latino, in merito ai raid aerei in terra siriana ordinati dal governo francese, giustificati con l’intenzione di colpire le roccaforti del terrorismo jihadista.
“E’ dall’inizio della guerra – aggiunge all’Agenzia Fides il Vescovo Abou Khazen – che ci chiediamo cosa davvero muova la Francia nelle sue scelte. Viene da pensare agli interessi economici, ma non so se questo basta a giustificare certe linee-guida così insensate e contraddittorie, come la scelta di sostenere e accreditare i ribelli, unita ai bombardamenti degli ultimi giorni, indirizzati contro quello Stato Islamico che non avrebbe mai assunto tanta forza se non avesse avuto appoggi e finanziamenti da parte dei Paesi dell’area più allineati con l’Occidente”.
Negli ultimi giorni – aggiunge il Vicario apostolico di Aleppo – la situazione nella città-martire siriana ha segnato qualche momento di calma: “Qui sono tutti tanto contenti perchè l’acqua arriva e l’elettricità funziona per almeno due ore al giorno, poveretti… Gli altri bombardano, e a morire è questa gente, che ha già perso tutto e non ha più altro da difendere… Parlano tanto di democrazia e di diritti umani: che ci lascino almeno il diritto alla vita”. .

Powered by WPeMatico

Visite: 338
   Invia l\'articolo in formato PDF