AFRICA/SUD SUDAN – La pace non ha prezzo: il gesto profetico, storico e rivoluzionario di Papa Francesco

Juba – L’immagine di Papa Francesco, inginocchiato ai piedi dei leader sudsudanesi per implorare il loro perdono e rendere la pace una realtà tangibile in questo paese africano che soffre da decenni, “porta con sè una grande carica simboliche che è parte della tradizione culturale africana”, spiega a Fides padre Donald Zagore, teologo ivoriano della Società per le Missioni Africane . “In Africa, in molte culture – spiega il missionario – questo atto di prostrarsi, di umiliarsi ai piedi di qualcuno, interviene in due contesti molto specifici: da una parte vuole essere un segno di ringraziamento e dall’altra implora il perdono o la grazia. In questo contesto , il Papa scongiura i leader dei due paesi, a nome del popolo sud sudanese, al perdono e alla grazia e a porre fine alla guerra spietata che continua a martoriare la popolazione”.
P. Zagore aggiunge: “Papa Francesco nel suo ruolo di mediatore non si è limitato ad usare parole ma ha compiuto gesti e simboli forti, specifici della cultura africana dei protagonisti. Tali gesti parlano più delle parole. Il Papa ha messo in pratica il consiglio di San Francesco d’Assisi che esorta: ‘Predica ovunque il Vangelo e, se necessario, usa le parole’. Si tratta di un atteggiamento che apre i cuori induriti dall’ego e dalla violenza per riconciliare l’amore di Dio. Il Papa, nel proporre questo atto, rivoluziona l’intera dinamica della logica della diplomazia e della mediazione nella risoluzione dei conflitti.”
“In Africa, – continua padre Donald – un leader non si prostra davanti ai suoi sudditi. Anche se Salva Kiir e Riek Machar non sono direttamente dipendenti del Papa, sono suoi figli spirituali, in quanto il Papa è Padre spirituale per eccellenza. Così come Gesù nell’Ultima Cena si prostra e lava i piedi dei suoi apostoli, Papa Francesco si mette nei panni del subordinato. Il messaggio del Santo Padre è chiaro: la pace non ha prezzo. Solo abbassando il nostro ego, lasciando morire il nostro Io, che generalmente esclude il Tu e quindi rende difficile l’accesso alla comunità, possiamo d’ora in poi parlare e relazionarci come fratelli, uguali, uniti dalla stessa umanità”.

Powered by WPeMatico

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

Visite: 14
www.pdf24.org    Invia l\'articolo in formato PDF