AFRICA/NIGERIA – “Cristiani e musulmani devono essere uniti per la pace e lo sviluppo della nazione”

Abuja – “La principale causa di violenza in Nigeria non è la religione, anche se alcuni dei nostri leader hanno usato la religione a fini politici” ha denunciato p. Cornelius Omonokhua, sacerdote cattolico Direttore Esecutivo del Nigeria Inter-Religious Council , organismo che raggruppa cristiani e musulmani, nella sua relazione al Seminario nazionale dal titolo: Corruzione, insicurezza e le sfide alla coesione nazionale in Nigeria: costruire la sinergia attraverso le fedi”.
“Dobbiamo liberare la religione da questo abuso. La realtà è che la fame è uno delle fonti primarie e potenti di divisione dell’esistenza umana mentre il cibo abbondante è un forte legame” ha detto p. Omonokhua.
“L’indigenza e la fame trasformano le persone in schiavi, in teppisti e adoratori del demonio. Anche il diavolo conosce il pericolo della fame e il modo in cui il cibo può rendere alcune persone adoratrici delle creature invece del creatore” sottolinea p. Omonokhua.
Il sacerdote afferma inoltre che l’avidità di potere e di governo ha fatto apparire la politica come un fattore di divisione molto serio a tutti i livelli nella vita della Nigeria. La bramosia di potere- dice p. Omonokhua- “ha trasformato la politica in una spada a doppio taglio che può persino mettere a rischio l’unità esistente nelle istituzioni tradizionali e religiose”.
Direttore Esecutivo del NIREC ha sottolineato la necessità di una sinergia tra cristiani e musulmani per la costruzione della nazione nigeriana, affermando che la corruzione potrebbe essere eliminata se musulmani e cristiani restassero fedeli agli insegnamenti delle loro fedi.
“Dato che il NIREC è la famiglia di tutti i cristiani e i musulmani in Nigeria, il nostro principio strategico deve ora essere una risposta proattiva alle questioni emergenti, rafforzando nel contempo processi di cambiamento sempre più ampi. Non dobbiamo aspettare che scoppi la violenza prima di battere i tamburi di pace. Se dobbiamo riuscire a usare il dialogo come mezzo per costruire la pace, non possiamo più aspettare che ci siano conflitti prima di costruire buoni rapporti con le persone che ci circondano” ha invocato p. Omonokhua.
Il NIREC è membro affiliato all’Africa Council of Religious Leaders e al Religions for Peace .

Powered by WPeMatico

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

Visite: 40
   Invia l\'articolo in formato PDF