Trieste – Arresto in flagranza per tentato furto, evasione e furto di energia elettrica.

Nella mattinata di sabato 8 giugno, i Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di via Hermet hanno tratto in arresto in flagranza di reato S.M.G., 25enne originario dell’Argentina, per i reati di evasione, tentato furto aggravato e furto aggravato di energia elettrica.

Alle prime ore del mattino, a seguito di segnalazione giunta al 112, i Carabinieri sono intervenuti presso il mercato settimanale di Piazza Foraggi, ove un ambulante aveva segnalato di aver appena subito il tentato furto del proprio borsello. 
L’esercente aveva momentaneamente appoggiato il portafogli sopra al bancone di vendita quando un giovane se ne è impossessato e ha tentato la fuga. La vittima ha però avuto la prontezza per reagire immediatamente, riappropriandosi della refurtiva. Non è invece riuscito a bloccare il malfattore, che si è divincolato e si è allontanato.

Le immediate ricerche da parte dei militari dell’Arma, hanno consentito di individuare l’autore del gesto, soggetto già noto alle forze dell’ordine, poco distante dal mercato.
S.M.G. si trovava peraltro in regime di arresti domiciliari, dai quali era evaso. Quando i Carabinieri lo hanno riaccompagnato presso l’abitazione per sottoporlo nuovamente agli arresti domiciliari, si sono accorti che S.M.G. aveva manomesso i contatori dell’energia elettrica dello stabile, realizzando un allaccio abusivo alla colonna di erogazione. 

Alla luce di quanto accertato i Carabinieri, al termine delle formalità di rito, hanno tradotto l’arrestato presso il Coroneo, a disposizione della Procura della Repubblica di Trieste. Dovrà rispondere dei reati di evasione, tentato furto aggravato e furto aggravato di energia elettrica.
L’arresto è stato convalidato dal Giudice per le indagini preliminari il successivo 11 giugno, con contestuale sottoposizione del reo alla misura della custodia cautelare in carcere.
 

Powered by WPeMatico

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

Visite: 16
   Invia l\'articolo in formato PDF